Supernova

di Marco Cagnotti

È semplice: d’un tratto, ci sei. Senza un perché. Esisti e basta. D’altronde nessuno spiega perché appaia un fotone. Esso stesso meno di tutti.
Così anche per me, quando il nucleo stellare di ferro è collassato. Per me e per gli altri. Gamma, X, UV, IR: c’eravamo tutti. Io ero a 5832 Ångstrom: giallo pieno, direste voi. Insieme ai neutrini, siamo partiti a scaglioni dalla furia nucleare a 200 miliardi di gradi, lasciandoci dietro quel nocciolo imploso in pochi chilometri, composto ormai solo da neutroni degeneri.
Primo incontro: il guscio di gas in espansione, ultimo vestigio della gigante rossa. Più lenta di noi, l’onda d’urto perturberà e feconderà le nubi primordiali. Genererà stelle e pianeti, oceani e montagne, vite e pensieri. Cacce solitarie nel silenzio abbagliante delle banchise polari, schiamazzi colorati nei suk tropicali, agonie di prede e oblio di orgasmi, fedi poetiche e cruente filosofie, formule e sinfonie, trionfo effimero del gene e del meme egoista.
Oltre il guscio, solo il vuoto interstellare. 42 anni di abisso. Per i vostri orologi, è ovvio. Per noi, alla velocità della luce, il tempo non passa: esistiamo in un eterno presente. Né occupiamo un luogo preciso, onde di probabilità spalmate nello spazio delle fasi, indeterminati finché non diveniamo coscienza di qualcuno.
Eccolo infine, qualcuno: dietro un oculare, in una radura. Le lenti mi rifrangono. Una pupilla mi accoglie, un bastoncello mi rivela. Precipito, con gli altri fotoni visibili, dall’Iperuranio delle infinite possibilità quantistiche fino al mondo reale, forse non unico. Non sono più né particella né onda. Suscito cascate di impulsi sinaptici, consapevolezza in una mente. E stupore immenso per una stella mai vista, accesasi in cielo.
Lo sguardo umano abbandona l’oculare e si volge nudo alla supernova, brillante più della Luna Piena. La bocca è socchiusa, il respiro spezzato dall’emozione.
Ma noi visibili eravamo solo l’avanguardia. A pochi secondi, ci seguivano i gamma. Duri, letali, inesorabili. Da 42 anni portavano il destino.
L’urlo è lancinante. Le gambe cedono. Le ustioni devastano la pelle. L’ultimo sguardo si spegne sulla foresta in fiamme.

__________
Marco Cagnotti
Nasce come fisico teorico ma cresce come giornalista. Non è chiaro come morirà. Si occupa di fisica, filosofia, politica, comunicazione, storia, ateismo, buddhismo, fantascienza, scrittura creativa, senza confini fra il cazzeggio e il lavoro. Curioso come un bonobo, razionalista come un vulcaniano e pignolo al limite della patologia, è alla costante (e vana) ricerca della consapevolezza. Venderebbe l’anima al diavolo (se esistessero l’anima e il diavolo) per un’idea nuova della quale innamorarsi… salvo poi abbandonarla senza rimpianti se posto di fronte alla dimostrazione cogente della sua fallacia. Sedentario come un bradipo pigro, detesta allontanarsi da casa sua. In compenso adora il nomadismo intellettuale. Sicché cambia mestiere ogni dieci anni.
Marco Cagnotti – Dvel

Annunci

Informazioni su il Many

(marco manicardi)
Questa voce è stata pubblicata in 2. (n+1)esimo ebook. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...