Io sono Fantascenza

di Achille Paoloni

Lo dirò una volta sola, che non è mica una di quelle fanfaluche coi paradossi temporali basati sul tempo ciclico dei pagani e le storie che si ripetono(1): c’è un belloccio tenebrosoccio che invita una rassomigliante a Sarah Michelle Gellar da giovane in una casa hollywoodiana di notte (lei, no il setting. O forse anche.)
Poi lui sguaina le fauci da – ta-dah! – vampiro, ma lei già lo sapeva dai suoi vecchi ruoli e poi la sceneggiatura ce l’hanno tutti.
Solo che non ha un cavicchio e, a portata di mano, lo impaletta con un souvenir di legno da 10$ dei LaBrea Tar Pits.
Com’è come non è, la sciacquetta si rifà una vita, fammi
pensare, sciampista, ma, uno sguardo nel buio, LUI torna.
“Il souvenir! Non era di legno! Dannato made in paese ex-sottosviluppato dei Brics nemico della settimana! Avrei dovuto votare McCain! YAAARGHHH!!!”

Però troppo Horror.

Chiudo gli E.C. Comics sparsi sul pavimento. (Nel vano tentativo di scopiazzare una storia a fumetti tratta da Bradbury e renderla irriconoscibile quel tanto che basta per divenire IO la preda sessuale di una giovane comedian su Youtube.)

Allora c’è quella fantasia che mi tormenta sin da piccino (l’altra, Hitler Cuccarini, l’altra).
Cosa sono i dischi volanti?
Ma monete, che altro! Giganteschi coin che superiori sconosciuti non affiliati a Madame Blavatsky gettano a noi miserabili pigiando poi “continue” a ogni apocalisse.
Infatti sono avvenute tutte:
Cristodelfiani-check.
Imam nascosto-check.
Mormoni-check.
Movimentariani-check.
Chiesa dei Santi degli Ultimi giorni-check-check-checkcheck-…

È quasi a livello Kornbluth, sporcizia nei denti e tutto il resto. Ora qualche pseudobiblia, e poi il twist of the tail.

Sci-fi in breve: Centocosmi MezzaStagione, supplemento a Nettunia, Fruttero & Lucentini editore, 844 caratteri.

Alcuni smottamenti cronali, frane dal Giurassico fino alla civilizzazione romana, creano curiose alternative favolistiche (Superior stabat raptor, inferior agnus).

Un parassita alieno di nipponica fama sceglie un ospite legnoso, ma posato (Baohbab).

Anche a Paperopoli esistono i frati stigmatizzati (Padre Pio Pio).

Cronodislocatori propulsi a compost (La feccia del tempo).

Si scopre che il paradiso è a numero chiuso (L’ennesimo battesimo).

Trattato di filosofia kriptoniana anti Vattimo (Il pensiero super forte).

Nepotismo in una comunità androide (Il raccomandato di ferro).

Un creazionista trova nell’aldilà uno strano cartello (Non ci sono per nessuno).

Situazionisti ninja 2D a Metro City (Final Fight-Guy De bord).

Computer superante il Test di Touring si dà all’extraparlamentarismo neomarxista, in ritardo di trent’anni (L’intellettuale inorganico).

Bon, aprosdóketon:

Il ritardato stava finendo di profanare il cadavere freddo di un genere dissepolto, quando la sua mente fu sovrastata da una più forte.
“Smettila di importunare i lettori, Charlie! Ti sei scordato che oggi devi portarmi i fiori?”
“Sì, mio non-morto maestro! Fiori per la tua tomba, fiori per ALGERNON!”

E così tutto si spiega. Io ero Charlie Gordon, il percome della mia poetica, ehi, c’è anche la circolarità smentita dall’incipit: Algernon è diventato non morto perché al vampiro del primo racconto gli piacevano i furry.

Or something.

__________
(1) E, metti, dopo le navi a propulsione ionomercurica c’è di nuovo i dinosauri perché si scopre che Dio è Luttazzi e non Eddie Izzard. Appena avrò accesso aduna macchina del tempo, questa la vendetti a John W. Campbell.

__________
Achille Paoloni
Dopo il Razzo nello Spazio, un altro grande successo.

Annunci

Informazioni su il Many

(marco manicardi)
Questa voce è stata pubblicata in 1. ennesimo ebook. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...